LuccaGuide

sabato 17 febbraio, seguite con noi un filo di lana! 🙂

 

Lucca Info&Guide

Ecco un’occasione  per conoscere meglio “l’arte della  lana” a Lucca, una piacevole camminata attraverso i quartieri degli artigiani nel settore occidentale della città, lungo via dei Fossi, per conoscere la vita di tutti i giorni, i loro macchinari, le fortune e le sventure della produzione.

Visiteremo un laboratorio artigianale e potrete toccare con mano questa fibra naturale già utilizzata dai babilonesi, prodotta industrialmente a partire dal XVII secolo.

Vedrete, inoltre la maestria degli artigiani locali nelle opere dei pittori che riprodussero questi coloratissimi e preziosi tessuti.

La regina della produzione tessile lucchese è sempre stata la seta, tuttavia scoprirete la qualità indiscussa della lana lucchese;  Boccaccio ci narrava di come si andasse a Lucca a prendere “il garbo“, un sofficissimo panno di lana che si distingueva da quello ruvido detto di “San Martino“; sembra sia nato così il detto popolare “aver il garbo” oppure…

View original post 52 more words

Pochi giorni fa al Museo Nazionale di Villa Guinigi a Lucca, si è tenuta una conferenza stampa per illustrare un nuovo arrivo (temporaneo..) ovvero una magnifica opera in terracotta dell’artista Lucchese Matteo Civitali. L’opera rappresenta un Cristo che sorregge un calice in cui si versa il sangue che fuoriesce dalla ferita al costato.
Un Cristo che è passato attraverso il martirio della croce, che indossa ancora la corona di spine e che con un’espressione intensamente umana e serena, regala a tutti, carnefici compresi, il proprio sangue, la propria anima. Cristo di Matteo Civitali.jpg

La bellezza dell’opera, pur danneggiata e priva della colorazione originaria, è immensa e coinvolgente, al centro di una sala in cui sono riunite altre opere d’arte.

La conferenza, aperta dal saluto del Sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, attraverso le parole del Sovrintendente, della restauratrice, dei Carabinieri ha raccontato la storia del’opera e del suo ritrovamento.
Sparizioni e ritrovamenti sono sempre affascinanti e quest’opera ha ancora molto da raccontare: sparisce dalla sua collocazione nella Chiesina della Rosa nel 1943 ad opera di un italiano? o forse nel 1944 trafugata da qualche tedesco in fuga?
Sta di fatto che fino al 1980 non se ne sa più nulla. Nel 1980 appare in una specie di fiera di antiquariato e poi di nuovo il buio. Trent’anni fa purtroppo i Carabinieri che si occupano del Patrimonio non avevano la tecnologia attuale e quindi le ricerche erano molto lente e laboriose: oggi è tutto online e sarebbe impossibile esporre un’opera senza che qualcuno la noti e la segnali anche involontariamente.
I Carabinieri riescono alla fine ad intercettare l’opera e a restituirla a Lucca e dato che al momento la Chiesina è in via di restauro, il posto più sicuro è il Museo Nazionale di Villa Guinigi! E’ una dimora temporanea, ma possiamo sperare che questa temporaneità sia molto lunga grazie al fatto che il Museo è vigilato sempre.

In conclusione, non esitate a correre al Museo per ammirare questa scultura!
E io vi invito a venire con me in un percorso guidato per ammirare anche molte altre opere esposte che fanno parte dell’identità della nostra terra:
contattatemi al 339 6328832 o usando il modulo contatti!

I wish you all a wonderful New Year linking a post in a blog dealing with lentils that cannot be lacking in the “cenone” we prepare to welcome the midnight! 🙂

Post from blog

lenticchie-e-cotechino

Lucca Comics and Games 2017 is over and we are waiting for the next one!
Meanwhile, I share some pictures I took:

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

B&B San Jacopo

our home in Lucca

privacy e cookies

Navigando in questo blog si acconsente all'uso dei cookies anche di terze parti. Ulteriori informazioni sulla pagina 'privacy & cookies' Browsing this blog you are consenting to the use of cookies as well as third parties'. More information on the page 'privacy & cookies'